Trucchi

GRATIS: Free ranger

spl-freeranger

 

Come ho detto nel post “per chi suona la campana” di solito usiamo un equalizzatore parametrico sui canali, e l’equalizzatore grafico sul materiale mixato. A volte, per√≤, si incontra un EQ grafico di tale qualit√† che pu√≤ essere interessante usarlo sul canale.

E’ il caso di questo gioiellino di un’azienda serissima che fa sia hardware che software. E’ distribuito gratis per promuovere l’acquisto della loro gamma di EQ grafici tarati su frequenze specifiche (voce, basso, chitarra…), e ha quattro memorie che ci permettono di alternare e confrontare rapidamente diverse impostazioni.

Perch√© il confronto abbia un senso √® necessario – pi√Ļ che un trucco √® una regola sempre valida – compensare l’aumento o la riduzione di volume con la levetta Output.

Si chiama Free ranger ed è di SPL

 

GRATIS: Free G

freeg

A volte vorresti che il fader del mixer della DAW fosse pi√Ļ grosso. Che dico grosso: enorme! Soprattutto se devi disegnare un’automazione di precisione, non puoi permetterti di inciampare nel mouse e spostare 5 dB.

A volte invece avresti bisogno di DUE fader per lo stesso canale, per essere libero di toccarne uno senza spostare l’altro.

E’ qui che entra in scena questo plugin leggerissimo che permette di avere due controlli di volume aggiuntivi, con controllo fine – pochi dB – o massimo – fade out fino a zero. E in pi√Ļ: inversione di fase, controllo del Pan, Mute. Tutti i controlli sono automatizzabili, ed √® presente anche un misuratore di picco e RMS. Geniale.

Si chiama FreeG ed è di Sonalksis

GRATIS: Fuzz Plus 2

fuzzplus2

Il fuzz è il nonno dei distorsori, ma ancora vive e lotta insieme a noi.

Semplificando molto: si passava il segnale elettrico in un pezzo di germanio, e il suono usciva piacevolmente distrutto. A Jimi piaceva.

Semplice, elegante, devastante, questo VST lavora un po’ come un BigMuff un poco come un FuzzFace, ma il bello √® farci passare un po’ di tutto, soprattutto quando si cerca di dare un tocco originale a quella controvoce o a quella tastiera un po’ smorta. Con il Tono si tampona l’eccesso di acute o si schiarisce il segnale se troppo cupo.

Questo VST gratis si chiama Fuzz Plus 2 ed è di AudioDamage

GRATIS: Stereo Touch

stereotouch-large1024

Non per tutti i giorni, non per tutte le tracce, probabilmente non per il Master Bus o per il mastering. Ma questo piccolo VST gratuito riesce ad ampliare la stereofonia in modo semplice e diverso dagli altri.

Il breve,¬†il canale Side – cio√® il contenuto audio “non al centro” – viene messo in un delay e sommato con il segnale originale. Capito il trucco possiamo farlo da soli con un Mid/Side encoder, un delay stereo e un Mid/Side decoder, ma questo simpatico effetto lavora rapidamente ed efficacemente.

E’ compreso anche un essenziale HPF per ridurre l’effetto di rimbombo sulle basse frequenze.¬†

Probabilmente non lo useremo sulla batteria o sul Master Bus, troppo il rischio di creare cacofonie e risonanze, ma sui pad è sicuramente da provare.

Si chiama Stereo Touch ed è di Voxengo. 

 

 

Gratis: Baxter EQ

baxtereq

C’√® un piccolo pezzo di hardware che vedo sempre pi√Ļ spesso negli studi professionali, specialmente nel mastering. Uno strano equalizzatore che equalizza pochissimo (+/- 5 dB) e che taglia a frequenze teoricamente assurde (hi-pass a 12 – 18 – 24 Hz ; lo-pass a 70 – 28 – 18 kHz). Per chi non sa di cosa sto parlando, immaginate un imbianchino monco che usa vernici invisibili…

Eppure…

Oltre ai colori che pu√≤ dare un boost shelving a 7.1 kHz (s√¨: ci sento ancora fin lass√Ļ) e alla compattezza che si pu√≤ ottenere alzando gli 84 Hz sul Mid ma togliendoli sul Side, questo equalizzatore svolge un compito importantissimo per noi che facciamo musica con il computer: tagliando tutte le informazioni al di sopra dei 18 kHz e al di sotto dei 24 Hz vengono liberate risorse (nei convertitori, nella CPU, nei plugin successivi) per elaborare meglio le frequenze che ci interessano veramente.

Baxter EQ di varietyofsound √® una emulazione del Bax EQ di Dangerous Music. E’ gratis, e il mio consiglio √® di piazzarlo sul Bus Master, sicuramente pre-fader e probabilmente dopo i compressori.

Software gratuiti, perch√© i microfoni costano

pig

Esistono numerosissimi software gratuiti per fare musica. Fin troppi, e a volte non si sa cosa scegliere. Evitare di avere 700 plugin installati √® una specie di “regola zero” che ha a che fare con la propria organizzazione mentale. Meglio pochi ma buoni, e quei pochi impariamo ad usarli al 120%.

Vantaggi dei software gratuiti: sono gratis (eh eh); di solito non hanno installer complessi ma sono costituiti da un semplice file .dll da piazzare dove vogliamo (anche rinominandolo); non hanno problemi di chiavi, seriali, autorizzazioni, licenze; se non funzionano, sai quanto li hai pagati.

Spesso ci sono eccellenti VST a costo zero. A cominciare da quelli di varietyofsound con cui cominciamo. La mia idea è segnalare alcuni software gratuiti tra mille, senza farne una vera e propria recensione ma indicando un utilizzo consigliato.

Invece, per chi decidesse di violare la “regola zero” e diventare un “collezionista”, il sito¬†kvraudio.com ha in database tutti i software audio esistenti, e un motore di ricerca con anche la chiave “free”, gratis.